Risposta della Filipponi alla RSU FILS

Foligno, 01/07/2012

Spiace che la RSU FILS si sia sentita offesa, ma sono i cittadini a doversi sentire irrisi perché costretti a pagare tariffe e tasse per servizi non sempre resi e il cui rapporto costo /qualità è quanto meno discutibile. Due le questioni:il costo del personale incide pesantemente sull’equilibrio economico della società che svolge attività di manutenzione, su base stagionale e conta di 39 dipendenti di cui 14 impiegati, tanto da ricorrere, talvolta, agli ammortizzatori sociali. Lo stesso C.d.A. stante la presenza di dipendenti con limitazioni lavorative ( patologie, permessi retribuiti ex L. 104/92, addirittura 2 per uno stesso lavoratore), nel 2009 ha annunciato verifiche per la eventuale collocazione anticipata a riposo. Nel 2012 gli impiegati sono sempre 14 mentre gli operai sono diminuiti di 1unità, stabilmente, e di 1 temporaneamente. Vero è che tale situazione trae origine dalle scellerate scelte politiche del passato in cui le assunzioni sono state fatte privilegiando taluni requisiti, non sempre collegati alla professionalità. La qualità dei servizi:tralasciando la “artisticità della segnaletica orizzontale”, che,auspico, nessuno abbia il coraggio di difendere, sembra comunque che gli interventi effettuati manchino del doveroso requisito della durabilità, considerato che a distanza di pochi mesi la stessa segnaletica è già scarsamente visibile. Vanno inoltre forniti chiarimenti sul motivo per cui fino al 2011 il Comune ha pagato a FILS € 250 mila annui; esternalizzato il servizio il costo è diminuito a € 150 mila. Ancora: sulla manutenzione delle fontane è preferibile stendere un velo pietoso, visto che FILS non ha più tale servizio. Manutenzione verde: si è passatati da un costo di € 395.000 del 2009 a € 450.412,00 per il 2012.L’Amministrazione, però, ritenendo che il servizio FILS fosse insufficiente a garantire il decoro, per il triennio 2010/2012 ha incaricato anche la Comunità Montana, con un ulteriore costo annuo di € 100.000,00. In ogni caso i cittadini lamentano che l’erba sfalciata, viene lasciata marcire lungo le strade. E’ questo il servizio di qualità? Da ultimo si segnala che una Compagnia di assicurazione ha risolto il contratto a FILS per eccessiva sinistrosità: ovvero troppi danni causati ai cittadini. Nessun dubbio che i dipendenti FILS comandati preso VUS, siano stati tutelati; chi tutela però i cittadini dal pagare come “nuovi”, servizi già inseriti nel contratto fin dal 2004? Sembra quasi che CDA e Sindaco, non sapendo come replicare, si siano avvalsi della difesa di ufficio della RSU, a tutela dei lavoratori, argomento,questo, molto “di moda”. Il nodo da dirimere rimane comunque uno:il costo dei servizi resi è congruo (così come la legge impone) rispetto alla qualità?

Stefania Filipponi Impegno Civile