Metanodotto “Sulmona-Foligno”: la Snam deve mantenere gli impegni assunti e presentare al più presto alla Regione un progetto alternativo

Foligno, 03/05/2006

di Cintioli Giancarlo

Il disgelo è avvenuto: la neve non è più un ostacolo eppure, per quanto riguarda il metanodotto “Sulmona- Foligno”, tutto è “congelato” a tre mesi fa. Contrariamente a quanto stabilito in un incontro svoltosi a febbraio presso l’Assessorato all’Ambiente della Regione Umbria, la Snam Rete Gas non ha ancora presentato alcun progetto alternativo né sono stati effettuati i sopralluoghi che dovevano essere coordinati dal Ministero dell’Ambiente. Per Giancarlo Cintioli, consigliere regionale DS- uniti nell’Ulivo, va stigmatizzata questa inerzia e atteggiamento “attendista” della Snam Rete gas come pure del Ministero dell’Ambiente poiché l’infrastruttura, così come progettata, non può e non deve essere realizzata in quanto attraversa aree di particolare valenza ambientale e paesaggistica, rischia di stravolgere un complesso sistema geografico ed ecologico ritenuto strategico in quanto sorgente di biodiversità e di compromettere la vocazione turistico-ambientale e culturale dell’intera regione Umbria.
Cintioli, oltre ad avere presentato una mozione sull’argomento in Consiglio Regionale, è stato uno dei promotori insieme al comitato “Norcia per l’ambiente” dell’iniziativa svoltasi a Norcia nel mese di gennaio nel corso della quale venne ribadita l’esigenza di approfondire le conseguenze che la realizzazione di una infrastruttura così importante come quella del metanodotto avrebbe avuto in un’area sismica, sulle falde acquifere e in generale sull’impatto visivo. Fu proprio in seguito a questa iniziativa che l’Assessorato all’Ambiente della Regione Umbria promosse un tavolo politico-istituzionale al quale prese parte anche la SNAM, al fine di individuare un tracciato diverso rispetto a quello progettato che, come è noto, attraversa la Valnerina e l’altipiano di Colfiorito con i comuni di Norcia, Cascia, Preci, Sellano e Foligno, tutti in provincia di Perugia.
La mancanza di un progetto alternativo del metanodotto smentisce clamorosamente le ripetute rassicurazioni fatte dall’Amministrazione comunale di Norcia che, non solo sulla stampa ma anche presso il tavolo politico-istituzionale della Regione dell’Umbria, aveva annunciato la presenza di un progetto alternativo elaborato dalla stessa Snam Rete Gas.
Cintioli sollecitando la riconvocazione del tavolo regionale sul metanodotto ha voluto esprimere pieno sostegno all’azione promossa in questi giorni dall’Assessore regionale all’ambiente Lamberto Bottini il quale intende contattare la Snam Rete Gas per sollecitare la presentazione del nuovo progetto e rappresentare al Ministero dell’Ambiente, una volta costituito il nuovo governo, l’opportunità di riprendere le attività della Commissione di Valutazione di impatto ambientale.