Richiamo al senso di responsabilità del Presidente del Consiglio Dott. Gentili apparso sul Corriere dell'Umbria di oggi

Foligno, 29/09/2011

Dott. Riccardo Meloni - Capogruppo PDL

Il richiamo al maggiore senso di responsabilità esternato sulle pagine di un quotidiano locale da parte del Presidente del Consiglio Comunale Dott. Sergio Gentili è sicuramente sintomatico del clima politico che si respira a Foligno.
Ogni richiamo al senso di responsabilità non è mai vano, anche perché ogni Consigliere Comunale è in qualche modo espressione della città.
Ho pertanto apprezzato l’apertura del Dott. Gentili, ma desidero chiarire alcuni aspetti che sono necessari per leggere in maniera corretta i comportamenti di tutti.
L’opposizione sostanzialmente può fare due cose : Proporre sue soluzioni (e su questo credo che nessuno possa dire che il centro destra non lo faccia) oppure opporsi alle decisioni prese dalla maggioranza.
La minoranza molto spesso (se non sempre ) subisce la frustrazione di veder seppellite le sue proposte senza essere ascoltata neppure, a volte, e in questa legislatura più spesso, la minoranza diventa maggioranza nel non voler approvare decisioni prese dalla giunta, in quanto alcune risultano palesemente inadeguate per i bisogni dei cittadini, in questo caso far mancare il numero legale è l’unica soluzione per impedire tali inopportune decisioni, questo il Presidente Gentili lo sa perfettamente, essendo stato nella sua storia politica parte integrante sia dell’ opposizione che ora della maggioranza .
A volte abbiamo assistito a discussioni di ore ed ore solo per dire di essere contro una decisione assunta dal Governo, e magari un ordine del giorno che riguardava problematiche della città proposto dal centro destra veniva ritenuto dalla maggioranza non urgente.
A tal proposito vorrei ricordare che il Presidente è comunque un Consigliere del Partito Democratico, infatti se la memoria non mi inganna non ricordo dall’inizio della legislatura nessuna sua astensione o votazione diversa da quella del suo partito di riferimento, ne tantomeno ho notato l’astensione sulle votazione delle pratiche, detto questo, mi permetto di suggerire al Presidente del Consiglio di adoperarsi di più per compattare la sua maggioranza.