Prima vittoria aspettando il Deruta

Foligno, 21/09/2011

Questione di aspettative. Al termine della gara del “PalaPaternesi” tra Mounting e Grifoni, valevole per la seconda giornata del campionato di C1, c’è molto più entusiasmo nello spogliatoio degli sconfitti (Grifoni) rispetto a quanto se ne respiri in casa gialloblu. La squadra folignate si aspettava di far coincidere la prima vittoria stagionale con una prestazione convincente che servisse soprattutto a rialzare il morale dopo l’uscita di scena dalla Coppa, dall’altra parte gli spellani temevano di uscire con le ossa rotta da un confronto già difficile di suo e reso ancora più arduo dalle numerose assenze. Lo “striminzito” 4-2 finale e soprattutto un secondo tempo un po’ in affanno dei padroni di
casa ha permesso ai ragazzi di mister Picchietti di uscire a testa alta alla fine di un match
che, in verità, non è sembrato mai davvero in discussione, nemmeno dopo il gol del momentaneo vantaggio rossoblu firmato da Marchesini con una punizione maligna. Il Mounting ha impiegato pochi minuti per ribaltare il risultato(doppietta di Rosi, migliore in campo) e pochi altri per chiudere virtualmente la pratica visto che la squadra di Boranga è tornata negli spogliatoi forte di un parziale di 4-1 (di Traversini e Bazzucchi, entrambi ispirati da Rosi, gli altri due gol). Per tutto il primo tempo il Mounting ha mantenuto il controllo del match sciupando favorevoli occasioni per arrotondare il punteggio per troppa precipitazione ed imprecisione negli ultimi dieci metri. Nella ripresa dopo aver mancato per un soffio il gol del 5-1 (prima Rosi e poi Proietti) il Mounting è sembrato andare presto in
riserva ed i Grifoni ne hanno approfittato per avanzare il proprio raggio di azione spaventando in qualche circostanza la retroguardia folignate. Da segnalare un palo di Panetti, qualche conclusione dalla media distanza che Grasselli ha controllato con la solita bravura e due occasioni fallite abbastanza clamorosamente da Longo prima e Martellini poco dopo. La rete del 2-4 è arrivata “solo” al 27’, sicuramente troppo tardi per spaventare il Mounting che nei minuti finale è riuscito senza ulteriori patemi a portare in porto una vittoria importante per la classifica e, si pensava, per il morale della truppa. Invece, come detto, alla fine erano molto più contenti e soddisfatti gli spellani.
Passiamo alla cronaca. Per la prima di campionato al “PalaPaternesi” Boranga ha
praticamente tutta la rosa a disposizione visto che rientra Picchi dopo la squalifica scontata con il Truffarelli e recupera Traversini dopo il forfait di mercoledì sera. Sta fuori ancora Pugnali che ne avrà ancora per qualche giorno. Ben più problemi ha invece Picchietti che tra squalifiche ed infortuni deve fare a meno di
Checcarelli, Filippucci, Sechi, Angelucci. Indisponibile anche il neo arrivato Simone Tesei.
A dirigere la gara è stata designata la coppia ternana composta da Primi e Mancini. I giocatori scelti dai rispettivi allenatori per le fasi iniziali di gara sono Grasselli, Proietti, Paris, Picchi e Rosi per il Mounting e Ceccarelli, Panetti, Longo, Marchesini e Foti per
quanto riguarda i Grifoni.
L’avvio di partita è abbastanza soft con le due squadre che fanno girare palla senza giungere quasi mai alla conclusione pericolosa. La sveglia alla gara la da Marchesini al 6’ sorprendendo Grasseli con una perfida punizione dalla trequarti che va a spegnersi all’incrocio dei pali alla sinistra del portiere perugino. Passa appena un minuto e i Grifoni hanno la palla buona per il raddoppio ma Grasselli si “vendica” sbarrando la strada a Foti liberato davanti a lui da Panetti. Sul ribaltamento di fronte Rosi riesce ad incunearsi centralmente e dal limite dell’area batte Ceccarelli con un tiro forte ed angolato. Al 9’ Proietti spreca una situazione di “tre contro due” al limite dell’area spellana, sul contropiede ospite Marchesini viene chiuso al momento del tiro. Un minuto dopo Rosi parte dalla propria metà a campo avanzando lungo l’out di sinistra, salta un uomo e da posizione defilata prova ad incrociare con palla che termina fuori di pochissimo. Al 12’ azione in contropiede dei gialloblu, Rosi libera Traversini che evita Ceccarelli ma si allunga troppo la palla che termina sul fondo. Al 14’ sugli sviluppi di una rimessa laterale la palla giunge a Rosi che con un perfetto stop a seguire evita un avversario ritrovandosi libero di calciare dal limite dell’area: troppo facile per uno come lui infilare Ceccarelli e siglare il 2-1. I Grifoni reagiscono subito con Longo che dalla sinistra rimette in mezzo una palla pericolosa che la difesa del Mounting respinge con qualche affanno, dando modo però a Proietti di ribaltare immediatamente il fronte d’attacco: il numero 3 folignate percorre tutto il campo prima di provare la conclusione che Ceccarelli devia in calcio d’angolo. Al 19’ Marchesini riceve al limite dell’area, si libera di Paris e prova ad infilare Grasselli che copre bene il proprio palo e mette sul fondo. La squadra di casa arriva bene nei pressi dell’area di rigore ma poi sbaglia l’ultimo passaggio sprecando situazioni favorevolissime. Sono soprattutto Rosi e Traversini a dare l’impressione di poter creare qualcosa in qualunque momento. Si arriva così senza troppi sussulti al 26’ quando Picchi servito da Traversini prova il diagonale dalla destra ma Ceccarelli fa buona guardia. Un minuto dopo Traversini duetta con Rosi, dribbla un avversario al limite dell’area e con un tocco preciso infila il portiere spellano segnando il 3-1. Passa appena un minuto e Rosi fila via sulla
sinistra e con un bel diagonale colpisce il palo opposto, la palla carambola sul ginocchio di
Bazzucchi e torna al numero 7 spoletino che dal fondo rimette in mezzo per lo stesso Bazzucchi che non ha difficoltà a depositare in rete, segnando, così come a Perugia sette giorni fa, pochi secondi dopo il suo ingresso in campo. Al 30’ Becchetti sfrutta un rimpallo e si ritrova a tu per tu con Grasselli che chiude lo specchio della porta e salva. Un minuto dopo gran botta di Proietti dalla distanza e palla che si stampa sul palo con Ceccarelli immobile. Prima del fischio finale il numero 3 gialloblu ci riprova con una bordata che Ceccarelli alza sopra la traversa. È l’ultima occasione del primo tempo.
Alla ripresa delle ostilità Boranga opta per un quintetto più offensivo con Cotugno e Rosi in
campo insieme a Traversini, Proietti e, naturalmente, Grasselli. Picchietti ripropone i
cinque di inizio gara. Passano appena 20 secondi e Rosi riceve sulla sinistra, si accentra saltando l’uomo e da ottima posizione calcia sull’esterno della rete. Al 3’ Proietti “sfrutta”
Cotugno che gli restituisce una palla che ha il solo torto di capitare sul sinistro del compagno: conclusione da dimenticare e palla fuori. Al 4’ Panetti dalla distanza prova la
“puntata” con palla che colpisce in pieno il palo, sul prosieguo ci prova Longo da posizione
defilata ma Grasselli mette in angolo. Un minuto dopo lo stesso Longo ci prova su punizione, Grasselli allunga il piede e devia sul fondo. All’8’ è Traversini ad impegnare il portiere avversario con una punizione dal limite dell’area. All’11’ Traversini serve Picchi
che, spalle alla porta, si gira molto bene ma non riesce a superare Ceccarelli. Passa un minuto e le parti si invertono: Picchi per Traversini che è bravo a liberarsi del proprio
controllore, un po’ meno bravo nella conclusione visto che il suo “scavetto” supera Ceccarelli ma esce di poco. Al 15’ Longo dimenticato da tutti ha la palla buona ma spreca calciando sopra la traversa. Al 19’ bel triangolo Martellini-Panetti-Martellini ma il piatto al volo del numero 19 rossoblu è “sciagurato” e la palla si perde a lato della porta difesa da Grasselli. Al 20’ Bazzucchi dalla destra riesce a mettere al centro per l’accorrente Picchi sul quale salva Ceccarelli con un’uscita perfetta per tempismo ed efficacia. La gara scivola via fino al 27’ quando Panetti scodella per Martellini che ruba il tempo a Traversini e batte Grasselli in uscita. È il gol del 2-4 che in teoria potrebbe riaprire il match. In pratica non succede nient’altro se si esclude l’ennesima bella giocata di Rosi che si libera bene ma calcia addosso a Ceccarelli che evita alla propria squadra il quinto gol. Dopo un minuto di recupero arriva il triplice fischio dell’ottima coppia arbitrale che non ha avuto alcun problema a gestire una partita correttissima. Il Mounting come detto ottiene la prima vittoria ma non può ritenersi completamente soddisfatto della prestazione, mentre i Grifoni “scoprono” dei giovani (Panetti, Longo e Foti) che rendono meno amara la seconda sconfitta consecutiva.
Ora la squadra di Boranga è attesa dalle due sorprendenti regine del campionato: sabato prossimo la sfida di Deruta, poi fra quindici giorni al “PalaPaternesi” è atteso il Gadtch per
una sfida dal sapore particolare per il tecnico perugino. I primi turni di campionato hanno
già dimostrato che la parola “facile” non esiste. Soprattutto senza una vera svolta dal
punto di vista del gioco. Che poi, se gli altri continueranno ad essere soddisfatti per aver perso con onore, va bene lo stesso…