PD di Foligno e il circolo Libertà e Giustizia di Foligno

Foligno, 14/09/2011

Il PD di Foligno e il circolo Libertà e Giustizia di Foligno annunciano l'attivazione di iniziative volte alla raccolta delle firme necessarie per la presentazione del quesito referendario per l'abrogazione dell'attuale legge elettorale ed invitano i cittadini a firmare.

"La legge n. 270 del 2005, denominata PORCELLUM, ha modificato il sistema elettorale italiano, negando agli elettori di poter scegliere il proprio candidato al parlamento sia alla camera che al senato, lasciando una delega in bianco alle segreterie dei partiti, con inevitabile deresponsabilizzazione del parlamentare rispetto al proprio collegio territoriale di appartenenza – affermano Gubbini, Franquillo, Graziosi e Savina consiglieri comunali del PD di Foligno.
In altri termini oggi la scelta del parlamentare avviene non su base territoriale ed il cittadino può scegliere solo il simbolo del partito di riferimento ma non il proprio candidato nell'ambito della rosa dei candidati già prestabilita con il conseguente devastante effetto di aver eretto un muro tra i cittadini ed il Parlamento e generando un corto circuito della democrazia, di cui oggi paghiamo le conseguenze."
Riteniamo che la riforma della legge elettorale debba essere effettuata dal Parlamento, ma siamo altrettanto convinti che Camera e Senato non faranno, da soli, nessuna nuova legge elettorale, perché non c'è intenzione di affrontare seriamente il tema, in quanto molti parlamentari non hanno interesse a modificare la legge elettorale che ha consentito la loro stessa elezione. Il referendum può, dunque, dare una scossa e favorire le condizioni per l'approvazione di una nuova legge. Altrimenti la conseguenza è che si tornerà a votare nel 2013 con l'attuale legge, che demanda ai partiti di nominare i parlamentari. "Sul referendum per abrogare la vigente legge elettorale abbiamo sentito la necessità di impegnarci in prima linea perché questa mortifica le più elementari regole di democrazia e del consenso. Il referendum può essere uno strumento di pressione a disposizione, capace di stimolare il Parlamento a modificare questa legge elettorale che impedisce ai cittadini di scegliere i propri rappresentanti." Per questo sosteniamo la raccolta di firme ed invitiamo i cittadini a firmare per il referendum, recandosi, muniti di un documento d'identità, a Foligno presso lo Sportello del cittadino, sito al piano terra del Palazzo Comunale in Piazza della Repubblica, dal lunedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle ore 9,00 alle ore 12,30 martedì e giovedì dalle ore 9,00 alle 12,30 e dalle ore 15,300 alle ore 17,30.

Saranno organizzati, inoltre, anche dei banchetti di raccolta delle firme all’altezza del “Quadrivio” ed in altri punti della città, per facilitare la sottoscrizione. L'obiettivo nazionale è quello di poter depositare in Cassazione almeno 500.000 firme corredate di tutta la documentazione richiesta, entro il 30 settembre, a cui invitiamo tutti a partecipare ed a firmare per garantire all’Italia un futuro di democrazia.