Segni Barocchi, venerdì 9 settembre ‘prima’ dello spettacolo Ludus”

Foligno, 07/09/2011

E’ in programma venerdì 9 settembre, alle 21,15, al teatro San Carlo di Foligno, lo spettacolo “Ludus” presentato da “Lemuri Teatro”, in collaborazione con l’Associazione Culturale Zoe. E’ una prima assoluta ideata e realizzata per Segni Barocchi, tratta da “Il giuoco di fortuna” (1622) di Guido Casoni. La regia è di Emiliano Pergolari.
La selezione drammaturgica è de “Il Muro di Bottom”. Lo spettacolo è interpretato da Emiliano Pergolari, Luisa Bosi, Alessandro Sesti, Caterina Gentili, Claudio Bilotta, Noemi Montanari, Chiara Arditi, Emma Tramontana, Nicolò Liviabella, Andrea Giansiracusa. Il progetto musicale è di Michele Branca.
Il Muro di Bottom sottolinea che “Il giuoco di fortuna (1622) è un’opera che è stato difficile reperire (ne esistono solo tre copie) e leggere per i caratteri di stampa in cui è scritta, la complessità del linguaggio eccessivamente esuberante e la varietà delle tematiche. Guido Casoni, sacerdote e accademico degli Incogniti, riversa, infatti, in questa commedia apparentemente ludica, ma tutta giocata sul tema delle memorie, molte delle problematiche del suo tempo. Per renderla più fruibile al pubblico di oggi occorreva capire, sfrondare e trasferire in una forma più agile, ma rispettosa degli stilemi seicenteschi, i problemi di un’epoca che viveva, in piena rivoluzione copernicana, la perdita di certezze secolari. Ma proprio questo diffuso senso di precarietà ci ha fatto capire quanto potesse essere attuale e ci ha spinto ad andare avanti in un lavoro di scavo che ha molto impegnato il nostro gruppo, facendoci riflettere, capire, ma anche divertire”.
Lemuri Teatro ricorda, tra l’altro, che “il decimo arcano dei Tarocchi, la Ruota della Fortuna, rappresenta il simbolo dell’esistenza, il ciclo della vita con i ritorni, gli alti e i bassi che si hanno, una ruota che può essere controllata ed equilibrata soltanto da energie superiori. A ogni azione segue una reazione, a ogni esistenza ne segue un'altra che è il risultato della precedente.Arthur Schopenhauer (1788 - 1860), Il destino mescola le carte e noi giochiamo Ludus è frutto del progetto speciale Lemuri e prevede la partecipazione di giovani attori che, con diversi livelli di esperienza, hanno seguito nel corso degli anni il laboratorio teatrale giovani dell’Associazione Culturale Zoe. Prevede però la partecipazione di figure più mature e con esperienza professionale a livello italiano. E’ un progetto formativo che prende la forma di una messa in scena corale frutto di un percorso che è ancora in divenire. E’ un esperimento scenico azzardato, esattamente come un gioco di fortuna”.