Risposta del Sindaco ad Annibali. Oggi a Borroni assemblea pubblica sul nuovo tracciato della variante sud.

Foligno, 07/03/2006

In merito alle considerazioni del coordinatore di Alleanza Nazionale di Foligno, Raffaele Annibili, pubblicate dalla stampa locale, domenica 5 marzo 2006, c'è da registrare una pronta replica del Sindaco di Foligno, Manlio Marini, che si riporta di seguito, integralmente.
“Sono certo che i cittadini di Foligno siano ormai abituati alle improvvise folgorazioni di Raffaele Annibali, il quale periodicamente convoca conferenze stampa per dare informazioni che hanno la pretesa di essere sconvolgenti. Ora, che siamo in campagna elettorale, è chiaro che egli tenti di approfittare di aspetti problematici relativi al progetto di tracciato della Variante Sud della Flaminia, evocando una lettera a mia firma del luglio 2004, inviata alla Società Quadrilatero, in cui esponevo un'ipotesi di tracciato, ipotesi successivamente ridiscussa, verificata sia in Giunta, sia nei successivi numerosi incontri con la Società Quadrilatero. Delle varie ipotesi di tracciato si è poi molto discusso e dibattuto, in occasione di assemblee pubbliche con le popolazioni interessate (Borroni, Sterpete), in cui si è cercato di coniugare l'opportunità di questa arteria stradale con le giuste esigenze dei cittadini, spesso contrastanti tra loro, cercando di trovare una soluzione, la meno penalizzante possibile, in termini qualitativi e quantitativi, per i cittadini interessati.
In seguito agli incontri partecipativi, con varie istituzioni e con la stessa Società Quadrilatero, si è individuata un'ipotesi di tracciato che verrà nuovamente presentata in assemblea pubblica a Borroni, martedì 7 marzo 2006.
In tale occasione cercheremo di recepire ulteriori contributi, al fine di riaprire, nei prossimi giorni, un tavolo con la Società Quadrilatero, deputata alla decisione finale.
E tutto ciò, ribadendo che il limite stabilito dal piano Regolatore per le aree edificabili, come già detto in più occasioni pubbliche, non verrà modificato; ma, poiché Annibali non è stato mai presente, parla senza sapere.
A quanto pare,egli, ancora una volta, vuole caricare le responsabilità del sottoscritto oltre il dovuto (non mi sottraggo, infatti, alle mie responsabilità: si ricorderà che, all’inizio del mio mandato, ho dovuto sostenere un giudizio per una presunta mia ineleggibilità, uscendone vincente sia in prima istanza che in appello, con la contestuale sconfitta di Annibali e degli altri ricorrenti).
Quando il Coordinatore di AN afferma che “ Marini è prigioniero di chi lo ha fatto diventare Sindaco”, evidentemente, si rivolge a quella percentuale, il 60,42% di cittadini che mi ha eletto nel 2004, e quindi sono assolutamente tranquillo.
Vorrei ricordare che l’attuale campagna elettorale e politica riguarda il rinnovo del Parlamento e del Governo del Paese, con l’attuale maggioranza in chiara difficoltà di tenuta, al contrario della Giunta Comunale e della maggioranza che la sostiene, la quale risulta assolutamente coesa e in continuo rafforzamento.
Per quanto, infine, attiene l'ipotesi di Annibali di mettere in piedi 'un governo ombra', significa solo che egli nutre completa sfiducia nei rappresentanti in Consiglio comunale della Casa delle Libertà.
Leggo, poi, che anche Giuseppe Mondi di Cittadinanza Attiva non perde occasione per attaccare l'Amministrazione comunale, con toni tali che mi rifiuto di commentare.”