Va in archivio la 42° corsa all’anello di Narni

Narni, 10/05/2010

Mezule gioisce per il quinto anno consecutivo a Fraporta il “Bravio” per il miglior terziere.

Gioie e dolori, come da tradizione, nell’ultimo, scoppiettante giorno della Corsa all’Anello di Narni. A Mèzule è stata festa grande fino a notte fonda per la conquista per premio più ambito, il Palio cavalleresco conseguito ieri pomeriggio allo stadio San Girolamo dalla squadra del terziere bianco-nero.
Mèzule ha vinto al “Campo de li Giochi” per il 5° anno consecutivo (un record nella storia della Corsa) portando a 16 il numero dei successi ottenuti a partire dalla 1^edizione del 1969. Il 2011 potrebbe essere l’anno del “pareggio” con Santa Maria che di titoli ne ha conseguiti 17. Fraporta è lontana con solo 8 vittorie, l’ultima delle quali risale al 2004.
La 42^edizione della Corsa all’Anello si è svolta in un clima ideale, sotto ogni punto di vista: gara senza incidenti e penalità, terreno in ottime condizioni, pubblico delle grandi occasioni e cielo finalmente azzurro, nonostante i nuvoloni apparsi nel primo pomeriggio annunciassero nuove ed insidiose piogge.
Insomma c’erano tutte le premesse per uno spettacolo di buon livello tecnico e agonistico. In questo contesto hanno finito per trionfare i cavalieri più esperti e affidabili: a partire da quel fuoriclasse di Luca Veneri che, nelle due tornate a disposizione, ha centrato tutti e sei gli anelli disponibili (per un totale di 90 punti) decretando sia la vittoria finale di Mèzule che quella personale, essendo risultato alla fine il Miglior Cavaliere tra i nove in gara.
Veneri corre a Narni da quattro anni: nei primi due furoreggiò sempre con i colori bianco-neri mentre l’anno passato, il 2009, si presentò a sorpresa con la scuderia Fraporta. Per lui fu un’esperienza disastrosa, culminata peraltro con una pesante caduta da cavallo.
Quest’anno il ritorno a Mèzule dove ha ritrovato forma e fortuna: un grande cavaliere, un protagonista di cui sarà difficile fare a meno anche negli anni a venire.
Cosa dire degli altri? Fraporta e Santa Maria hanno scelto di schierare cinque esordienti su sei. Tutti concentrati al massimo certo, ma l’inesperienza, e forse anche troppa emozione, hanno finito per tradirli un po’ tutti. E’ mancata la continuità nei punteggi e per Mèzule, regolarissima per velocità e precisione, la vittoria è sembrata poco più che una formalità.
Nessuna responsabilità, in ogni caso, per le scuderie di Fraporta e Santa Maria: correre con cavalieri giovani è una scelta sana, importante, un investimento per il futuro. La Corsa all’Anello ha ancora tanti anni davanti a sé e le occasioni per vincere non mancheranno di certo. Per tutti.
Chi, per ora, può consolarsi meglio tra gli sconfitti è il terziere di Fraporta che ieri sera, dopo la kermesse del San Girolamo, è stata premiata in piazza dei Priori col Bravio per il “Miglior Terziere 2010”, lo speciale trofeo che ogni anno viene attribuito al gruppo che presenta le migliori ambientazioni medievali, la più bella “Giornata Medievale” e i più bei costumi del “Corteo Storico”.
Tutto ha funzionato alla perfezione nel terziere rosso-blu sul piano scenografico: è piaciuto moltissimo, in particolare, il gruppo dei costumanti presentato al “Corteo Storico” di sabato sera (e ripetuto ieri pomeriggio prima della Corsa all’Anello): molto ammirata la nuova “Dama degli Anelli” Elisa Tiratterra, giovane, statuaria ed esotica bellezza impreziosita da un abito semplicemente favoloso. Una vera e propria regina, accompagnata da un gruppo decisamente impeccabile.
E così va in archivio anche questa 42^ Corsa all’Anello: un’altra edizione pienamente riuscita, con tante iniziative da vivere e da vedere per venti giorni di fila e con la consueta grandissima partecipazione di pubblico. L’appuntamento, per tutti, è con la 43^ edizione, in programma dal 21 aprile al 8 maggio 2011.