“Pic & Nic a Trevi” Arte, musica e merende tra gli ulivi

Trevi, 16/04/2010

Torna il 24 e 25 aprile il Pic Nic più famoso d’Italia, presentata questa mattina a Perugia la terza edizione di “Pic & Nic a Trevi”

E’ il Pic Nic più famoso d'Italia quello che animerà Trevi il 24 e 25 aprile. Un percorso gastronomico, artistico, musicale ma soprattutto un viaggio legato al paesaggio e alle tradizioni di questa cittadina umbra che domina le verdi-argentee “colline olivate” da cui è circondata.
Ecco “Pic & Nic a Trevi” 2010, la terza edizione di un picnic diffuso in una collina olivata, all’insegna del mangiare semplice, dell’arte, della musica e delle viste mozzafiato. Un weekend da vivere in compagnia (anche degli animali) all'aria aperta, passeggiando in mezzo agli ulivi, raggiungendo casette di campagna dove soffermarsi all'ombra delle piante, ammirando paesaggi, gustando prodotti tipici, tra cui il pregiato olio extravergine di oliva Dop Umbria dei produttori di Trevi, ascoltando buona musica e perché no, anche ballando.
L’evento è stato presentato questa mattina a Perugia (Sala Fiume di Palazzo Donini) dal sindaco di Trevi Giuliano Nalli e dal direttore artistico Marco Sarti.
“Pic & Nic a Trevi”, organizzata dal Comune di Trevi con il patrocinio della Regione Umbria e in collaborazione con la Strada dell’Olio Dop Umbria, è sempre più una festa legata ad una proposta innovativa di weekend a dimensione d’uomo in cui si premiano i valori più naturali della vita. L'obiettivo è quello di riportare i partecipanti ad una dimensione di benessere in grado di coinvolgere tutti gli aspetti del vivere: la mente, grazie ad eventi artistici e musicali; l’anima e il corpo, per merito di lunghe passeggiate all’insegna del relax e di picnic con cibi e prodotti genuini del territorio.
“Pic Nic a Trevi – ha affermato il sindaco Nalli – ci permetterà di ascoltare il rumore del silenzio. Sarà, ancora una volta, la testimonianza del nostro agire locale, del nostro impegno per l’ambiente e per la buona qualità delle nostre produzioni agroalimentari e la dimostrazione che un’economia sostenibile è, non solo possibile, ma doverosa. L’evento trevano nasce dalla sensibilità che la nostra Amministrazione comunale ha dimostrato da tempo su questi temi, tanto da farci ottenere proprio ieri a Roma, dopo la registrazione ambientale EMAS, anche un altro importante riconoscimento con il premio "Progetti sostenibili e green public procurement 2009", promosso da Ministero dell'Economia e delle Finanze e Consip, grazie ai numerosi progetti realizzati in campo ambientale e all’avvio di un’attenta politica di Acquisti Verdi”.
Con il bastone e la sportina a quadrettoni bianchi e rossi che verranno date ai partecipanti (la sportina è una borsa contenitore che all’occorrenza si trasforma in tovaglia) si potrà camminare e sostare in mezzo agli ulivi e degustare bruschette all’olio di Trevi, formaggi, carne e verdure alla brace, che saranno le “merende” (accompagnate dai vini locali offerti dal Coordinamento Regionale Strade del Vino e dell’Olio dell’Umbria) con cui rifocillarsi dopo i trekking a piedi, le passeggiate dedite alla raccolta delle erbe aromatiche della collina olivata o dopo aver percorso il Sentiero degli Ulivi anche in sella a cavalli. Non mancheranno poi lunghe e “guidate” camminate nel centro storico di Trevi e nei suoi dintorni, presso la collina degli ulivi, con il Trekking Urbano e il Trekking Naturalistico. Inoltre, in collaborazione con LIPU, si terrà sabato sera, a partire dalle 19.30, “Sulle tracce di Athena, in attesa della notte della civetta”, una passeggiata nei dintorni di Trevi per ascoltare il vibrante “canto” delle civette.
Oltre che nella collina e nel sentiero degli ulivi la maggior parte delle iniziative di “Pic & Nic a Trevi” si svolgeranno nella “Chiusa degli Ulivi”, splendido uliveto della seicentesca Villa Fabri o dei Boemi con un magnifico giardino che si affaccia sulla vallata sotto a Trevi. Durante il picnic assaggi di-versi “accompagnati” da diversi oli della zona.
“Pic & Nic a Trevi” parla di cose antiche e semplici, ma con le parole di oggi e accetta le sfide che la contemporaneità propone con i suoi linguaggi e le sue nuove forme espressive. Ecco perché protagonista di questa due giorni sarà anche la musica, con concerti di artisti affermati ed emergenti, che verrà eseguita per le vie della città e nel “Ninfeo” di Villa Fabri - luogo trasformato per l’occasione in vero e proprio anfiteatro naturale - per allietare i picnic e celebrare il tramonto di fronte al suggestivo scenario dei Monti Martani. Questo il calendario della due giorni di musica allestito dal direttore artico Marco Sarti: sabato 24 aprile (ore 12.00 Piazza Mazzini) parata musicale dalla Piazza Mazzini alla “Chiusa degli Ulivi” di Villa Fabri con Fantomatik Orchestra Street & Marching Band; ore 15.00 Piazza Mazzini, Parata musicale dalla Piazza Mazzini alla “Chiusa degli Ulivi” di Villa Fabri con Fantomatik Orchestra Street & Marching Band; ore 18.30 Ninfeo di Villa Fabri, concerto al tramonto: Harold Bradley & The Gospel 4th. Domenica 25 aprile invece: ore 12.00 Ninfeo di Villa Fabri, Musica al Ninfeo: Luciano Biondini “Solo Accordion”; ore 15.30 Ninfeo di Villa Fabri, Musica al Ninfeo: Black Sheep - Paolo e Sara Ceccarelli; ore 18.00 Ninfeo di Villa Fabri, Concerto al tramonto: Luca Ciarla & Keziat. Tutti i concerti in programma sono ad ingresso gratuito.
Ma anche l’arte troverà il suo spazio con l’esposizione “Winter Roots. Memoria, Identità e territorio” presso Palazzo Lucarini, con “Cantieri d’artista” (arte sui ponteggi del centro storico) e con la mostra d'arte contemporanea “Visionaria” dell'artista Keziat (www.keziat.net) prevista all’interno di Villa Fabri. Questa location, sabato ospiterà anche due momenti di approfondimento: alle ore 10.30 la Conferenza dal titolo “I frutti dimenticati. La stramberia di coltivare piante che nessuno ricorda” (in occasione dell’anno internazionale della biodiversità) e alle ore 17.00 la presentazione del libro “Le città contro l’effetto serra. Cento buoni esempi da imitare” di Karl-Ludwig Schibel e Silvia Zamboni.
Al Teatro Clitunno ad allietare piccoli e famiglie non mancherà anche il teatro per ragazzi. In occasione della terza edizione di “Pic e Nic a Trevi” proseguirà anche l’appuntamento con il Mercatino del Contadino o Farmer’s Market, iniziativa che si svolge ormai da due anni ogni quarta domenica del mese nel centro storico della cittadina umbra per promuovere i prodotti agroalimentari di qualità e la cosiddetta “filiera corta” (rapporto diretto produttore-consumatore). Il mercatino e la “filiera corta” si legheranno, inoltre, all’iniziativa “Menu a km 0” proposta dai ristoranti di Trevi aderenti all’iniziativa attraverso originali menu realizzati con i soli prodotti del territorio.
Le produzioni agroalimentari di qualità, le peculiarità paesaggistiche, l’ambiente, l’arte ed i beni culturali della città rappresentano gli elementi forti ed i tratti identitari per la promozione di un territorio disegnato dagli ulivi. Per conoscere ed incontrare un mondo e una cultura che a Trevi è legata a doppio filo all’olio e all’ulivo, intere famiglie, bambini, giovani e adulti, quasi in una sorta di magica “unione generazionale”, potranno trascorrere momenti preziosi in luoghi incantati all’insegna del mangiare semplice e all’aria aperta sotto un ulivo, dell’arte, della musica e delle viste mozzafiato.
Un connubio fra diverse componenti permetterà di realizzare un alto momento di socializzazione anche fra diverse generazioni, per toccare, insomma, tutte quelle “corde” che appartengono ad ogni persona a prescindere dalla propria età, ceto sociale e luogo di provenienza.
La “piccola” Trevi, insomma, si metterà ancora in evidenza grazie a questa “semplice” idea che vuole testimoniare un vero e proprio stile di vita.

Per informazioni e foto: www.picnicatrevi.it