L’Antiquarium di Colfiorito

Foligno, 01/03/2010

L’Antiquarium di Colfiorito potrà costituire un punto di riferimento per il territorio dell’altipiano folignate che nei prossimi anni sarà interessato dalla realizzazione della strada statale 77. Il museo – i cui lavori sono stati ufficialmente presentato oggi nella nuova sede – conterrà le testimonianze archeologiche di un’area che, secondo Laura Bonomi, curatrice dell’allestimento, “è un delle più importanti del Paese”. Per Gabriele Baldelli, soprintendente archeologico per l’Umbria, “giunge a compimento un lavoro avviato tanti anni fa, ancora prima del sisma”. Secondo Francesco Scoppola, direttore regionale per i beni culturali e paesaggistici per l’Umbria, “non bisogna farsi molte illusioni sulle presenze che ci saranno, dopo la realizzazione della nuova strada, perché tanti automobilisti supereranno Colfiorito senza fermarsi. E’ importante ribadire la qualità del museo”. Il curatore del progetto, il prof. Roberto De Rubertis, ha ricordato che la struttura è il frutto di un collegamento tra due case abbandonate. Ecco il museo dovrà funzionare come un luogo di incontro”. Nel corso dell’incontro, presenti amministratori comunali e regionali, è stata sottolineata l’importanza della struttura perché “in rapporto ad altre eccellenze della zona - ambiente, prodotti enogastronomici - potrà rappresentare una parte di una rete per favorire l’economia della zona. Inoltre è l’esempio di come sia stato possibile, dopo il sisma, sviluppare un progetto che dà visibilità alla storia del territorio montano. I lavori della struttura museale sono costati complessivamente oltre un milione e mezzo di euro. Sono stati finanziati per un milione e 210 mila euro, pari all’80,5 per cento dalla Regione dell’Umbria, e per 293mila euro, pari al 19,5 per cento dal Comune di Foligno.
La struttura ospiterà i reperti della civiltà umbra dei Plestini dalle origini alla romanizzazione del territorio, ampliando e valorizzando l’esposizione permanente aperta al pubblico dal 2001 alle ex casermette di Colfiorito.