Prosegue il progetto “Sport e scuola”

Foligno, 19/02/2010

Continua la collaborazione tra l’assessorato allo sport del Comune di Foligno ed i Comitati Locali degli Enti di Promozione Sportiva CSI e UISP per educare le giovani generazioni all’attività sportiva. Anche in questo anno scolastico, il progetto “Sport e Scuola” ha coinvolto 3.468 alunni delle scuole dell’infanzia e delle scuole primarie del Comune di Foligno.
Tutti i circoli didattici e gli istituti comprensivi (i Circoli 1°, 2° e 3°, la Scuola Paritaria San Giuseppe, gli Istituti Comprensivi di Belfiore, Sant’Eraclio, Gentile da Foligno, Piermarini e Carducci) hanno aderito al progetto che si è concluso per la prima parte dell’anno scolastico e che ora riprende con programmi di attività motoria, legata ad attività di gioco ed espressive, per iniziativa dell’UISP nella scuola dell’infanzia e del CSI nella scuola primaria.
Ora il progetto riguarderà solo alcune classi. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di sottolineare che la pratica sportiva è un elemento irrinunciabile per la crescita e lo sviluppo fisico e psichico della persona. E perché questo concetto si consolidi, è indispensabile formare le giovani generazioni e, lavorando in collaborazione con le scuole, è possibile raggiungere la totalità dei bambini. Il progetto “Sport e Scuola” è stato promosso per la prima volta nel 1993 dal Comune di Foligno che continua a sostenerlo – fanno notare dall’assessorato - “perché il Comune è attento ai temi che concorrono al benessere e soprattutto a rispondere alle istanze che provengono direttamente dai cittadini. Il progetto “Sport e Scuola” è una di quelle iniziative che ogni anno vengono richieste espressamente dagli stessi genitori. Con l’occasione si ringraziano scuole, i docenti, il CSI ed il UISP ed i loro tecnici che, insieme, garantiscono questa opportunità in più ai nostri giovanissimi cittadini”. Le attività realizzate nell’ambito del progetto, come le feste che spesso vengono organizzate per coronare la conclusione di un percorso - come l’ormai storica “Festa delle Quinte in Città” che già il CSI sta programmando per sabato 8 maggio - hanno una valenza formativa non solo sul piano fisico. Attraverso il gioco sportivo, infatti, si valorizzano le differenze, perché ognuno con la propria specificità apporta un contributo unico.