Commenti e riflessioni di Riccardo Meloni sulla conferenza stampa di fine anno del Sindaco

Foligno, 30/12/2008

di Riccardo Meloni, Cons. Com. Forza Italia PDL

Ieri tutta la giunta in pompa magna ha convocato una conferenza stampa per tracciare il bilancio di questa legislatura ormai arrivata alla fine del mandato.
L’aria è quella di una presentazione di una città che in questi anni è cresciuta ed ha raggiunto tanti risultati.
A me non sembra che ci sia tanto da esaltarsi, anzi mi sembra che in questi ormai cinque anni,la città sia rimasta un po a guardare e non abbia sfruttato la pioggia di milioni di euro che i vari governi che si sono succeduti hanno elargito.
Percepisco che questa convinzione non è quella di un consigliere comunale di parte ma è anche una percezione della maggioranza dei cittadini di Foligno .
Da quello che leggo dalla stampa state dimenticate alcune questioni (che magari ora anche in poche righe mi sembra giusto ricordare), e dall’altra parte né vengono esaltate altre che a mio modo di vedere forse era meglio dimenticare anche quelle.
Per quanto riguarda le questioni che necessitano di una seria inversione di tendenza e (almeno da quello che la stampa riporta ) sono state trattate in maniera superficiale vorrei ricordare :
CENTRO STORICO Il centro storico vive un momento drammatico e non si è fatto niente per aiutarlo nel suo lento declino, mentre si dovrebbe riportare nel centro storico tutto quello che può essere il cuore pulsante di una città ad esempio gli uffici, invece si è andati verso un edilizia popolare che non lo qualifica anzi….
SICUREZZA In questi cinque anni è aumentata sensibilmente la percezione di insicurezza nei cittadini tanto che nel centro storico si sono visti vigilantes pagati dai commercianti ed invece che affrontare il problema la Giunta comunale ha sempre e solo negato l’esistenza di questa problematica.
DEGRADO Il degrado cittadino è sotto gli occhi di tutti, la sporcizia regna sovrana sia al centro storico sia in qualsiasi piccolo vicolo della città per non parlare della periferia ormai completamente abbandonata.
STRADE Tantissime mal ridotte e non asfaltate adeguatamente.
FRAZIONI In gran parte dimenticate tanto che gli abitanti diminuiscono nelle frazioni costantemente
Poi ci sarebbe ancora da dire ma sarebbe necessario un vero e proprio approfondimento quindi ricordo senza commentare :la mancanza di programmazione economica, la mancanza di stile (dalla mancanza del palco per il Vescovo a quella dell’assenza dell’albero di Natale ) , l’assenza di eventi, il modo sempre tardivo di intervenire ( luci stadio, piscina comunale, palazzetto dello sport che ci piove ecc ecc ) e tanto altro ancora.
Per quanto riguarda invece le questioni che sono state esaltate e che invece a mio modo di vedere era meglio non evidenziare voglio sottolineare :
S.S. 77 Grazie al Governo Berlusconi se si realizza la strada
SOCIETA’ PARTECIPATE Si esalta il bilancio positivo dell’AFAM , non mi sembra un successo se cinque farmacie in un anno fanno un utile di circa 100000 Euro , mentre ci si dimentica del dramma di tutte le altre come ad esempio la FILS che solo quest’anno ci costa piùà o meno un milione e mezzo di Euro.
STABILIZZAZIONE PRECARI Giusto ricordare che è un dovere morale stabilizzarli (siamo d’accordo tutti) ma ci si dimentica che per stabilizzarli si sta cercando di far diventare maestri di asilo nido dei geometri.
A questo punto sorge una domanda : Cosa rimane di positivo?