La centrale Enel di Bastardo apre le porte a tutti

Bastardo, 24/09/2008

di Gilberto Scalabrini

Porte aperte, sabato 27 settembre, dalle ore 9,30 alle 20,30, alla centrale di Enel "Pietro Vannucci" di Ponte di Ferro di Bastardo, nel comune di Giano dell’Umbria, in funzione dal 1967. Un appuntamento ormai tradizionale per la stessa centrale ed il comprensorio che, dal 2006, registra sempre un record di presenze. Un successo dovuto al fascino di scoprire, anche da parte di tanti giovani studenti, come il carbone diventa energia elettrica. L'iniziativa e' stata illustrata questa mattina in una conferenza stampa dall'ing. Giancarlo Millucci, responsabile dell’unita’ business termoelettrica Enel di Bastardo, il quale ha sottolineato come la centrale ha ottenuto di recente la certificazione Iso 14001 e che e’ pure in arrivo quella Emas che la qualifica ulteriormente sul piano ambientale.
In altre parole, si e’ chiuso il capitolo delle polemiche e delle proteste del 2004, quando associazioni e comitati gridavano “no al carbone”.
"Sabato 27, i visitatori potranno partecipare gratuitamente -ha spiegato Millucci- a tanti momenti di intrattenimento, che vanno dai giochi alle attrazioni, e trascorrere una intera giornata nel grande impianto. Alle ore 18, l'arcivescovo della diocesi di Spoleto, mons. Riccardo Fontana,celebrera' nel piazzale anche una messa vespertina".
Ha ricordato anche che la centrale si e' ormai integrata profondamente e storicamente nel territorio e che "l'impianto e' costantemente ammodernato con le migliori tecnologie per mantenere alto il suo grado di efficienza e compatibilita' ambientale".
La centrale di Bastardo gestisce tutta la filiera di approvvigionamento del carbone che, dal porto di Ancona, giunge al terminal intermodale di Foligno attraverso i carri ferroviari, poi arriva al deposito con il trasporto su gomma. Di recente, e a livello sperimentale, e' stato pure aperto l'impianto di produzione d’idrogeno a carbone. Si tratta ovviamente di un distillato del carbone che potrebbe offrire nel futuro un’alternativa al petrolio.