Ricordando la Befana

 

Arpenzo a quann’ ero ‘na fiarella:

lu cinque de gennaio, verso sera,

addossu me vinìa ‘na tremarella

e doventào vianca come cera.

Nun c’ ìo coragghju de scappà de fora,

Nun m’ appressào manco su la porta ;

drendo de me, però, ‘n vidìo l’ ora

ch’ entrasse quella vecchia gobba e storta

che ‘nciampicava pe’ sali’ le scale

co ‘n saccu su le spalle e lu vastone.

Certo, poretta!, ch’ era ‘rdotta male:

parìa c’ esse l’ affannu, lu fiatone,

che l’ anima regghjesse co’ li denti.

Io me je avvicinao co’ tremore,

co’ riverenza, ma a passitti lenti:

c’ ìo  la rivoluzione ‘nto lu core.

Dicìo de prescia tutte l’ orazioni,

facìo un sinceru esame de coscienza.

Lìa arricambiava co’ cunsiji voni,

co’ la dorgezza e la benevolenza

de chi conosce vene li fiarelli

che sempre no’ la fonno l’ ubbidienza,

che pe’ lu studiu so’ ‘n po’ svojatelli

e fonno scappa’ spissu la pacenza.

Tirava fora pùa li rigalitti

Unu per vorda, lenta e sospirosa;

Tremanno io stampo ‘n par de vacitti

su quella mane ghiaccia e ‘n po’ rugosa.

Pu lìa artonàa da do’ era vinuta

Annanno a l’onne, sempre ‘nciampicanno,

ma dicenno co’ voce risuluta:

“Bona notte! Ci arvedemo st’ andr’ anno”.

Ammò p’ arsumija da la befana

Non c’ ho visugnu de travestimento.

Me sa che co’ ‘n mastone e ‘na campana

sarìo perfetta p’ arnoà l’ evento.

Ma…  , chi ce crede più ta la befana?

‘n ce sta più locu pe’ la fantasia.

De quell’ infanzia ‘ngenua e ormai lontana

c’ armane sulu tanta nostargìa.

 

indietro