LU ZUCCHIRIFICIU

 

 

Me ‘ffaccio da le mura

e smiccio ‘sta vruttura:

è lu zucchirificiu

‘n matonnone t’etificiu.

Na vorda, ce faciamo li paini

portàa da faticà…e li quattrini.

Assea è ‘rmastu ‘n cingiu, scargagnatu,

como se quarghidunu, l’aesse vommardatu.

Suciu, sfattu, ‘bbandonatu,

como ‘n vicchjttu sdelommatu.

Strugghje lo core…purittu

nun c’ha più manco lu tittu!

Lu duvrjono vuttà ghjò

ma…ce penseronnongò.

Pare vruttu…nò sta vene,

sta ghjò dello, finchè tene…

Ce staria tando da fane,

ma lu lassono campane!

‘N pjono versu de scarcallu

troppi caùli stonno ‘n ballu.

Tra la Coppe, e lu Comune

passate cendo lune.

Mbiccia e ‘mbroja pe ‘n fa danni

c’armarrà n’andri cend’anni.

Prima armeno dia ricchezza,

me pare ‘na schifezza.

Scì, ce semoffezionati, ce l’emonto lu core,

però semo anghe onesti, faceteme ‘l favore:

volemo ricordacce che ‘nnava a cippitillu!

S’ha d’armane ttuscì…n’è mejo de finillu?

 

indietro